CORSO DI ECONOMIA INTERNAZIONALE / INTERNATIONAL ECONOMICS

Anno Accademico 2016 - 2017

Prof. A.R. Germani

Finalità del corso

Il corso ha l’obiettivo di introdurre lo studente alle principali tematiche dell’economia internazionale, presentando i più importanti elementi teorici che consentano di comprendere le determinanti e l’evoluzione del crescente processo di integrazione internazionale. In particolare, verranno analizzate le principali teorie del commercio internazionale (dal modello ricardiano, al modello di Heckscher-Ohlin, alle nuove teorie del commercio) con l'obiettivo di spiegare i vantaggi dello scambio e le ragioni delle politiche protezionistiche. Verrà poi delineato il ruolo delle imprese multinazionali e degli investimenti diretti esteri a livello internazionale. Particolare attenzione verrà inoltre dedicata alle ipotesi di interazione tra commercio internazionale e degrado ambientale analizzando sia gli effetti negativi (i.e., race to the bottom, pollution haven) che gli effetti positivi (i.e., Porter hypothesis, gains from trade) degli scambi internazionali sulla qualità dell’ambiente naturale. Verranno, infine, analizzate le dinamiche dei tassi di cambio e gli effetti delle politiche macroeconomiche in economia aperta.

Programma sintetico:
MODULO I. CONCETTI DI BASE
Introduzione all'economia internazionale reale (commercio internazionale) e monetaria (finanza internazionale). Il mercato globale e le sue caratteristiche. La globalizzazione: cause ed effetti.

MODULO II. IL COMMERCIO INTERNAZIONALE
Evoluzione e tendenze del commercio internazionale. Le teorie del commercio internazionale: il mercantilismo; il vantaggio assoluto; il vantaggio comparato; la teoria di Heckscher-Ohlin; le nuove teorie del commercio internazionale. Gli strumenti della politica commerciale: dazi e quote sulle importazioni e sussidi alle esportazioni. L’integrazione economica regionale. Il ruolo delle imprese multinazionali e gli investimenti diretti esteri. Le teorie degli investimenti diretti esteri e dell’impresa multinazionale. Gli effetti degli investimenti diertti esteri. Commercio internazionale, crescita economica e degrado ambientale: la curva di Kuznets ambientale.

MODULO III. ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE
Tassi di cambio e bilancia dei pagamenti. Il mercato valutario e le teorie per la determinazione del tasso di cambio. Effetti delle politiche monetarie e fiscali con tassi di cambio flessibili e tassi di cambio fissi. Sistema monetario internazionale e Unione Monetaria Europea.

Letture e testi consigliati:
•  Imbriani C., R. Pittiglio, F. Reganati (2014). Economia Internazionale di base e investimenti esteri , Giappichelli.
Sono escluse dal programma le seguenti parti: par. 3.7 e 3.8; cap. 6; par. 7.2.2.2 e 7.5.3; par. 9.5; par. 10.5; par. 12.7 e 12.8; par. 13.3 e 13.7; par. 14.4 e 14.5
- Per gli argomenti relativi alle ipotesi di interazione tra commercio internazionale e degrado ambientale si farà riferimento alle dispense a cura di Costantini V. (2005), Crescita economica, commercio internazionale e ambiente naturale: dinamiche e interazioni, disponibili all’indirizzo http://host.uniroma3.it/facolta/economia/db/materiali/insegnamenti/610_4196.pdf
I paragrafi oggetto di studio sono i seguenti: 1.1, 1.1.1, 1.2.1, 2.1.1, 2.1.2, 2.1.3. La lettura della parte terza e della parte quarta è facoltativa.

In alternativa:
-  Dominick S. (2016). Economia Internazionale, volume 1 : Commercio Internazionale
-   volume 2: Economia monetaria internazionale, Zanichelli, Bologna.


Saranno inoltre consigliate alcune letture, quali:
•  De Benedictis L., R. Helg (2002), Globalizzazione, Rivista di Politica Economica, marzo-aprile.
•  Krugman P. (1993), What do undergraduates need to know about trade?, American Economic Review, May.
•  Faini R. (1999), Le istituzioni per la regolazione del commercio internazionale, Economia e Politica Industriale, n. 101-102, pp. 183-208.
•  Copeland B.R., M.S. Taylor (2004), Trade, growth and the environment, Journal of Economic Literature, vol. 42, n. 1., pp. 7-71.
•  Frankel J.A., A.K. Rose (2005), Is trade good or bad for the environment? Sorting out the causality, The Review of Economics and Statistics, vol. 87, n. 1, pp. 85-91.

Modalità di svolgimento dell’esame
L’esame si svolge con una prova scritta ed una prova orale. La prova scritta è articolata in 4 domande aperte che richiedono anche delle rappresentazioni grafiche. Il tempo a disposizione è di 40 minuti. Per la valutazione della prova scritta per ciascuna delle domande si può ottenere fino a un massimo di 8 punti. La prova orale si svolge di norma una volta completata la prova scritta.